L’utilizzo della tecnologia digitale per ridisegnare il sorriso, combinando estetica e funzione masticatoria, rappresenta il “gold standard”.

Questo approccio alla professione odontoiatrica è alla base dell’attività svolta dal Prof. Alessandro Pozzi, docente all’Università UCLA di Los Angeles in “Digital Dentistry e Implantologia Mini-Invasiva Computerizzata, nel suo studio di Roma. L’ obiettivo perseguito con oltre 15 anni di esperienza è l’eccellenza nella cura in assenza di dolore.

Per soddisfare le aspettative sempre più alte dei pazienti i quali richiedono ormai il massimo del comfort e del benessere e per garantire la perfetta riuscita di interventi spesso assai complessi, è diventato assolutamente indispensabile il ricorso alle tecnologie e alle metodiche più avanzate e affidabili. La diagnosi TC 3D permette di decidere il piano di trattamento individualizzato per risolvere il problema estetico o funzionale con la massima accuratezza rappresentando al tempo stesso  uno strumento di comunicazione per far capire al paziente le proprie patologie e attraverso la simulazione del risultato finale quello che potrà ottenere dal punto di vista estetico

Grazie all’aggiornamento professionale combinato all’innovazione tecnologica sempre più avanzata, è oggi possibile operare nella riabilitazione della funzione masticatoria e nel ripristino di un sorriso senza età con tecniche mini-invasive e in modo non traumatico.

ALCUNI ESEMPI DI "PRIMA E DOPO":

Paziente 1

[twentytwenty]

[/twentytwenty]

Paziente 2

[twentytwenty]

[/twentytwenty]

Paziente 3

[twentytwenty]

[/twentytwenty]

Cos’è un impianto dentale?

Un impianto dentale si definisce come un dispositivo medico utilizzato per riabilitare funzionalmente ed esteticamente la perdita o la mancanza congenita di uno o più denti.

Utilizzo di tecniche chirurgiche mini invasive

Attualmente il chirurgo è colui che agisce dall’esterno e ha un approccio mini-invasivo arrecando il minimo dolore al paziente. In odontoiatria tale risultato è stato possibile grazie a una tecnica già ampiamente sperimentata ma non ancora largamente diffusa nel nostro Paese.

Grazie all’utilizzo d’impianti si ripristina la funzione masticatoria e attraverso mini incisioni, non più grandi di 3-4 mm, si riacquisisce il sorriso. L’intervento si programma attraverso il computer dopo aver ricostruito lo scheletro facciale del paziente in 3D. La programmazione al computer grazie a particolari tecniche di ingegneria e alla tomografia computerizzata (Tac) permette di valutare il numero di impianti più opportuno per il recupero sia dal punto di vista funzionale che estetico. La terapia diventa realmente personalizzata, i costi meglio controllati, inoltre gli interventi base permettono di garantire a tutte le età funzionalità e armonizzazione del sorriso al viso.

I vantaggi della chirurgia mini-invasiva sono percepibili soprattutto dal punto di vista del paziente: limitando i tagli non c’è dolore, non si creano gonfiori né lividi tanto che il recupero post operatorio diventa pressoché immediato. Il paziente può tornare alle sue normali attività entro 24/48 ore dall’intervento senza nessun tipo di problema e la percentuale del successo sfiora il 100%. È eliminato il problema del rigetto assicurando una durata dell’impianto particolarmente lunga se ci si attiene ai protocolli di igiene domiciliare e professionale e alle visite di controllo periodiche. Simili vantaggi hanno permesso di aprire nuovi scenari per ogni fascia di età dei pazienti.

E´ quella branca dell’odontoiatria che si occupa della cura dei rapporti anomali esistenti tra le arcate dentarie e le strutture anatomiche ad esse correlate.

La finalità principale del trattamento ortodontico ortognatico sono quelle di determinare un allineamento corretto dei denti ed una funzione masticatoria efficiente, di conseguenza favorire la salute dei denti e del loro apparato di sostegno; inoltre il trattamento ortodontico dovrà migliorare l’armonia del volto del paziente e di garantire la stabilità nel tempo dei risultati ottenuti.

Il Professor Alessandro Pozzi, specialista in Ortodonzia e Gnatologia oltre alla ortodonzia convenzionale utilizza sistemi ortodontici come Invisalign (ortodonzia invisibile) e Incognito (ortodonzia linguale).

Invisalign

Invisalign allinea i denti avvalendosi di una serie di aligner quasi invisibili, creati su misura, in modo da offrire il massimo comfort. Man mano che sostituisci gli aligner ogni due settimane i denti si spostano gradualmente, fino a raggiungere la posizione finale prevista.

Comodo, trasparente e rimovibile, Invisalign trasforma il tuo sorriso senza interferire troppo con la tua vita quotidiana.

INVISALIGN

Incognito

È una tecnica odontoiatrica in cui gli attacchi ortodontici vengono inseriti sul lato interno del dente, quindi rivolti verso la lingua, anziché sul lato esterno, quello esposto al sorriso.

Questo sistema, completamente computerizzato e personalizzato ad ogni paziente, permette risolvere i problemi di malposizioni dentarie senza pregiudicare l’apparenza estetica.

incognito

ODONTOIATRIA CONSERVATIVA

L’odontoiatria conservativa è una branca dell’odontoiatria che si occupa principalmente del recupero della morfologia dentale attraverso otturazioni, ricostruzioni o intarsi.

Le cause più comuni della perdita di struttura dentale sono carie e traumi dentali.

La carie dentaria è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente: lo smalto e la dentina. La sua causa è di origine infettiva; l’infezione inizia sulla superficie del dente e procede poi verso l’interno fino a raggiungere la polpa dentale, provocando dolore e infiammazione.

ENDODONZIA MICROSCOPICA

L’endodonzia è quel ramo dell’odontoiatria che si occupa della rimozione della polpa dentaria e della sigillatura dei canali radicolari con materiale biocompatibile.

Il trattamento endodontico, detto anche canalare, rimuove la polpa (parte vitale del dente) degenerata per evitare che l’infezione si propaghi portando alla perdita del dente.

La polpa può degenerare per causa di una carie profonda, di un trauma meccanico o per una grave infezione parodontale.